Incroci fortuiti del dove e del quando (21)

Avvertiva da un un po’ di tempo un crescente fastidio. Scoprì di che cosa si trattava: un foruncolo sul bordo dell’ano. Giusto giusto. Andò dal medico che dopo la visita indicò la cura: una pomata, una semplice pomata, nulla di grave per fortuna. A casa, di ritorno dalla farmacia, ne spalmò sulla parte interessata la prima dose. Dolore acuto, oltre che fastidio. Un dolore al quale con le successive applicazioni si aggiunse un altrettanto fastidioso prurito: segno, comunque, che il foruncolo era in via di assorbimento. Solo questione di tempo. Ma successe anche altro, più avanti: il dolore ormai leggero cominciò a trasformarsi in un fievole piacere quando le sue dita scorrevano sullo sfintere esterno per spargere la crema. Sì, era proprio piacere, doveva ammetterlo, anche se lieve. Tre volte al giorno. Quasi quasi desiderava che il foruncolo ci mettesse molto, a guarire.

 

 

 

da "Uomini nudi. I pionieri del nudo maschile 1935-1955", di David Leddick, edizioni Octavo

da “Uomini nudi. I pionieri del nudo maschile 1935-1955″, di David Leddick, edizioni Octavo

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

Foto di Regina Orioli, da http://manidivelluto.tumblr.com/

Foto di Regina Orioli, da http://manidivelluto.tumblr.com/

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

Gerd Kreutschmann . "Etude de nu" (1950 ca.), da http://owhataq.tumblr.com/

Gerd Kreutschmann . “Etude de nu” (1950 ca.), da http://owhataq.tumblr.com/

Incroci fortuiti del dove e del quando (20)

Ricevette una mail da una persona che conosceva e rispose raccontando qualcosa della propria vita negli ultimi tempi. Concluse con un po’ di saluti calorosi, anche rivolti ad amici comuni, e spedì il messaggio. Qualche ora dopo arrivò un’altra mail della stessa persona che narrava a sua volta eventi ed episodi e trasmetteva saluti di conoscenti. La lesse, rispose aggiungendo qualche fatto che aveva omesso nel messaggio precedente, aggiunse i saluti e mandò il tutto. Ancora qualche ora e ricevette un’ulteriore mail con altri fatti e altri saluti. Rispose pure stavolta e spedì il messaggio. Trascorse un po’ di tempo: una nuova mail della stessa persona. Ci pensò su brevemente, scrisse qualcosa, mandò la missiva. Poco dopo ancora una mail, che parlava del più e del meno. Rispose parlando del più e del meno. Ne arrivò un’altra.

 

 

 

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

Ishikawa Toraji , "Bored" (1934)

Ishikawa Toraji , “Bored” (1934)

Foto di Evgeny Mokhorev, da http://owhataq.tumblr.com/

Foto di Evgeny Mokhorev, da http://owhataq.tumblr.com/

Paul Strand, "Rebecca, Taos, Mexico" (1930)

Paul Strand, “Rebecca, Taos, Mexico” (1930)

Paul Strand, "Rebecca, Taos, Mexico" (1932)

Paul Strand, “Rebecca, Taos, Mexico” (1932)

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

Bob Robert Toren, "Nude 022", da http://www.angrylambie.com/

Bob Robert Toren, “Nude 022″, da http://www.angrylambie.com/

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

TK. KIM, "Go back", da http://tkkimblog.wordpress.com/

TK. KIM, “Go back”, da http://tkkimblog.wordpress.com/

Incroci fortuiti del dove e del quando (19)

Mentre cucinava i broccoletti ripensò a come avevano fatto l’amore la notte precedente: senza una parola, senza riflettere, solo sensi e nervi e furia a contatto di pelle. I broccoletti intanto erano pronti e spense il gas, li riversò in un’insalatiera, lavò la pentola, il cucchiaio di legno, rimise in ordine la cucina prima di prepararsi ad affrontare il mondo al di là della finestra. Al di là della minestra.

 

 

 

Allison Michael Orenstein, "East Village boys pie", da http://piefolk.net/2011/09/23/fridate-3/

Allison Michael Orenstein, “East Village boys pie”, da http://piefolk.net/2011/09/23/fridate-3/

Imogen Cunningham, "Nude", 1923

Imogen Cunningham, “Nude”, 1923

Nan Goldin, da "The ballad of sexual dependency"

Nan Goldin, da “The ballad of sexual dependency”

da Romance, Love & Lust, http://romancelovelust.tumblr.com/

da Romance, Love & Lust, http://romancelovelust.tumblr.com/

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

da Romance, Love & Lust, http://romancelovelust.tumblr.com/

da Romance, Love & Lust, http://romancelovelust.tumblr.com/

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web e modificata

foto presa dal web

foto presa dal web

Nan Goldin, "Bruno and Valerie embraced with blue blanket", Paris, Mac, 2001

Nan Goldin, “Bruno and Valerie embraced with blue blanket”, Paris, Mac, 2001

Incroci fortuiti del dove e del quando (18)

Dopo numerosi tentativi delineò personaggi che riteneva credibili, dotandoli anche di un passato, di un vissuto, gli ambienti nei quali agivano e si muovevano. Tanto attentamente li descrisse che pareva di starci dentro. Come desiderava. Architettò una trama complessa sebbene non complicata, lineare piuttosto, e l’arricchì via via di vicende secondarie, diverse sottotrame che non rimandavano ad altre storie ma confluivano tutte e al momento giusto nell’intreccio principale, evitando in questo modo il rischio che l’eventuale lettore vi si perdesse. O almeno, così ritenne quando riprese in mano il testo, avendo lasciato trascorrere un certa quantità di tempo per acquisire il vantaggio di poterlo valutare con sufficiente distacco. Ne provò soddisfazione: il romanzo era riuscito bene, pensò. E lo cancellò con due clic, cominciando subito a scriverne un altro.

 

 

 

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

Gary Lund, "Self", da https://www.flickr.com/photos/gelund/

Gary Lund, “Self”, da https://www.flickr.com/photos/gelund/

Marie-Berthe, Max Ernst, Lee Miller and Man Ray, 1931-33

Marie-Berthe, Max Ernst, Lee Miller and Man Ray, 1931-33

Man Ray, Lee Miller, 1930 ca.

Man Ray, Lee Miller, 1930 ca.

Man Ray, 1930

Man Ray, 1930

TK. KIM, da "Steak", http://tkkimblog.wordpress.com/

TK. KIM, da “Steak”, http://tkkimblog.wordpress.com/

Jobs Act e ironie volgari

Una legge, o anche una definizione, un’affermazione, una semplice parola, se pronunciata in inglese acquista un innegabile sapore di modernità, bisogna ammetterlo. Sicché il Jobs Act di Renzisconi suona più o meno a tutti, o almeno a tanti, come una vigorosa spinta verso il progresso. Se non fosse che intende riportare le condizioni occupazionali della gente più o meno a quelle della prima metà del secolo scorso, se non dell’Ottocento: il dipendente può e deve lavorare quando e quanto ordina il padrone, in base alle sole esigenze di quest’ultimo. E ciò finirà per trasformare di fatto lo Statuto dei lavoratori in Statuto degli imprenditori.

Tutto questo fa venire in mente ironie volgari, grasse, politicamente scorrette, sgradevoli, inutile negarlo, seppure a malincuore. Tale d’altro canto è diventata l’Italia negli ultimi decenni: volgare, grassa, gretta, meschina, sempre più ipocrita. E allora diciamole, queste volgarità. Tanto più che l’uso dell’inglese di questi tempi è oltremodo trendy. In condizioni siffatte si può tranquillamente affermare che invece di un Jobs Act ci ritroveremo presto nell’ordinamento un Handjobs Act o un Blowjobs Act. Handjobs, blowjobs fatti a chi? Ma a chi possiede e sfrutta a proprio vantaggio le risorse economiche e immateriali, naturalmente: ai ricchi, ai potenti, ai vip. A chi, detto in una parola, qui ci sta bene, specula e se la gode.

 

 

 

HANDJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

HANDJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

HANDJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

HANDJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

BLOWJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

BLOWJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

BLOWJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

BLOWJOB (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

MUTUAL HANDJOB con godimento reciproco (foto presa dal web, modificata ed elaborata)

MUTUAL HANDJOB con godimento reciproco (foto presa dal web, modificata ed elaborata)