Incroci fortuiti del dove e del quando (70)

C’era un altro esempio possibile di burocrazia della mente. Con ogni probabilità se ne potevano fare di innumerevoli, ma uno si rese conto che saltava agli occhi, letteralmente: quello che non aveva visto non era mai accaduto, tutto ciò che non guardava non esisteva.

 

 

 

Agnès Weber, "Della casalinga disperata", da http://agnesweber.blogspot.it/

Agnès Weber, “Della casalinga disperata”, da http://agnesweber.blogspot.it/

Agnès Weber, "Amnesia (22)", da http://agnesweber.blogspot.it/

Agnès Weber, “Amnesia (22)”, da http://agnesweber.blogspot.it/

Cristina Lucas, Desnudo en El Prado,  serie Desnudos en el Museo, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, “Desnudo en el Prado”, serie “Desnudos en el museo”, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, Desnudo en el Museo Nacional de Arte Antiga,  serie Desnudos en el Museo, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, “Desnudo en el Museo nacional de arte antiga”, serie “Desnudos en el museo”, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, Desnudo en el Louvre,  serie Desnudos en el Museo, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, “Desnudo en el Louvre”, serie “Desnudos en el museo”, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, Desnudo en el Kroller Müller,  serie Desnudos en el Museo, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

Cristina Lucas, “Desnudo en el Kroller Müller”, serie “Desnudos en el museo”, 2011, da http://www.m-arteyculturavisual.com/2014/05/26/invisible-nude-hacia-lo-salvaje-y-touch-and-go-de-cristina-lucas/

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

Incroci fortuiti del dove e del quando (69)

Ci meditò su piuttosto a lungo e finalmente trovò un esempio che ritenne tipico di burocrazia della mente: i nativi di uno stesso luogo sono uguali, i nativi di altri luoghi sono diversi.

 

 

 

Foto di  Zsuzsi Ujj, 1989, da http://leragazzedelporno.tumblr.com/

Foto di Zsuzsi Ujj, 1989, da http://leragazzedelporno.tumblr.com/

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web

Incroci fortuiti del dove e del quando (68)

Vide un film tratto da “Il castello”, uno dei romanzi incompiuti di Franz Kafka. Lo aveva girato nel 1997 il regista austriaco Michael Haneke, e con molto coraggio, si disse: non era facile trasporre in immagini le opere del grande scrittore praghese. Si interrompeva all’improvviso proprio dove si era interrotto il manoscritto dell’autore, senza una vera fine, che con ogni probabilità non poteva esserci nemmeno nell’originale. Girare in permanenza attorno a qualcosa di indefinito, di inafferrabile, al quale non ci si riusciva ad avvicinare ma dal quale nemmeno ci si poteva allontanare. Lo trovò di grande suggestione, indubbiamente, anche se non poté fare a meno di ricordare un’altra pellicola basata su un testo di Kafka, di impatto ancora maggiore sul suo intimo e che aveva visto anni prima, “Il processo” del 1962, diretta in maniera magistrale da Orson Welles che vi compariva come attore con un grande Anthony Perkins nei panni del protagonista e Jeanne Moreau, Romy Schneider, Arnoldo Foà fra gli altri magnifici interpreti. Pensò che aveva amato e amava ancora non solo quel film ma in primo luogo ogni parola scritta da Kafka, che se le sentiva scorrere tutte dentro con il sangue, e subito dopo si sorprese a chiedersi se accanto alla burocrazia delle carte, delle cose, di leggi e regole prive di origine nota, rintracciabile, condivisibile, dei corpi quindi e della colpa a essi fatalmente collegata come una violazione senza nome, come un peccato originario di esistenza, di evoluzione, di movimento, di semplice respiro, accanto a quello che in poche parole poteva definire il dominio claustrofobico della paralisi, esistesse una burocrazia della mente. E se sì, in che modo funzionasse.

 

 

 

Ulrich Mühe è l'agrimensore K. ne "Il castello" di Michael Haneke, 1997

Ulrich Mühe è l’agrimensore K. ne “Il castello” di Michael Haneke, 1997

Susanne Lothar e Ulrich Mühe ne "Il castello" di Michael Haneke, 1997

Susanne Lothar e Ulrich Mühe ne “Il castello” di Michael Haneke, 1997

Anthony Perkins è K. ne "Il processo" di Orson Welles, 1962

Anthony Perkins è K. ne “Il processo” di Orson Welles, 1962

Jeanne Moreau e Anthony Perkins ne "Il processo" di Orson Welles, 1962

Jeanne Moreau e Anthony Perkins ne “Il processo” di Orson Welles, 1962

Orson Welles, Romy Schneider e Anthony Perkins ne "Il processo", 1962

Orson Welles, Romy Schneider e Anthony Perkins ne “Il processo”, 1962

Romy Schneider e Anthony Perkins  ne "Il processo" di Orson Welles, 1962

Romy Schneider e Anthony Perkins ne “Il processo” di Orson Welles, 1962

Marc Chagall, "Nudo sopra Vitebsk", 1933

Marc Chagall, “Nudo sopra Vitebsk”, 1933

Francis Bacon, "Studio per nudo accovacciato", 1952, olio e sabbia su tela, Detroit Institute of Arts

Francis Bacon, “Studio per nudo accovacciato”, 1952, olio e sabbia su tela, Detroit Institute of Arts

Incroci fortuiti del dove e del quando (67)

Sentì provenire sospiri, gemiti, ansimi, rantoli da una porta chiusa. Credette di avere udito male e avvicinò un orecchio. In realtà la porta era soltanto accostata e si aprì un po’, fortunatamente senza cigolare, non appena vi appoggiò la testa. Non aveva sbagliato, erano davvero voci umane, capì quando colse anche frammenti di parole, di frasi: espressioni di desiderio, di passione, toni colmi di una tenerezza e di un trasporto erotico molto intensi. Non riuscì a stabilire se si trattasse di un uomo e una donna, di due donne, di due uomini, se si trattasse di esseri giovani, adulti, anziani: le voci erano poco più che sussurri e così pure i suoni che le bocche emettevano di frequente. Non riuscì a trattenersi allora dall’introdurre con cautela la testa nella fessura per guardare dentro, per cercare di capire meglio, ma sulle prime poté distinguere ben poco: la stanza era in ombra. Vi fece scorrere lo sguardo quando gli occhi si abituarono alla scarsità di luce, ma senza individuare figure umane. Un lieve bagliore attirò tuttavia la sua attenzione: i lunghi respiri, le frasi spezzate sembravano peraltro arrivare proprio di lì. Aprì un po’ di più la porta ed entrò silenziosamente nella stanza. Si avvicinò all’angolo dal quale si irradiava il fioco chiarore e notò, posato su un tavolino, un computer portatile in funzione. Solo ora ne avvertiva il ronzio sommesso che si confondeva con i sussurri, i singhiozzi, gli ansiti. Vi girò intorno, lo schermo era rivolto verso la parete sul lato opposto della camera, e si accorse che stava riproducendo un video: due corpi strettamente allacciati nella semioscurità, mani, braccia, gambe, bocche, labbra, lingue, sessi, parole accennate, fiati confusi, orgasmi. Più d’uno. Ed ebbe netta la sensazione che quella scena si svolgesse già molto da tempo: un filmato che si ripeteva e ripeteva, innumerevoli volte, forse all’infinito.

 

 

 

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web

foto presa dal web

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web, modificata ed elaborata

foto presa dal web

foto presa dal web

Incroci fortuiti del dove e del quando (66)

Per una volta non pensava a niente. O meglio, pensava di non pensare a niente. Oppure pensò che pensava di non pensare a niente.

 

 

 

foto presa dal web

foto presa dal web

"Not at attention, but not at ease.  Loki is deep in thought", da http://marlenboro.com/loki-deep-in-thought-male-nude-photography/

“Not at attention, but not at ease. Loki is deep in thought”, da http://marlenboro.com/loki-deep-in-thought-male-nude-photography/

"Nude was shot by Billy Kidd", da http://iwasshotbybillykidd.com/

“Nude was shot by Billy Kidd”, da http://iwasshotbybillykidd.com/

"Nude was shot by Billy Kidd", da http://iwasshotbybillykidd.com/

“Nude was shot by Billy Kidd”, da http://iwasshotbybillykidd.com/

"Nude was shot by Billy Kidd", da http://iwasshotbybillykidd.com/

“Nude was shot by Billy Kidd”, da http://iwasshotbybillykidd.com/

"Nude was shot by Billy Kidd", da http://iwasshotbybillykidd.com/

“Nude was shot by Billy Kidd”, da http://iwasshotbybillykidd.com/

"Nude was shot by Billy Kidd", da http://iwasshotbybillykidd.com/

“Nude was shot by Billy Kidd”, da http://iwasshotbybillykidd.com/

Lora Elyse, da "Abstract nude project", http://loraelysephotography.co.uk/project/abstract-nude-project/

Lora Elyse, da “Abstract nude project”, http://loraelysephotography.co.uk/project/abstract-nude-project/

Lora Elyse, da "Abstract nude project", http://loraelysephotography.co.uk/project/abstract-nude-project/

Lora Elyse, da “Abstract nude project”, http://loraelysephotography.co.uk/project/abstract-nude-project/