Incroci fortuiti del dove e del quando (99)

Prima di andarsene in un altro sistema solare, comunque, volevano lasciare qualcosa di sé su quel pianeta che non erano riusciti a capire. Almeno, fino ad allora. Magari in un futuro anche non tanto prossimo… chissà, si dissero gli esseri simili a grossi pesci rossi. E sganciarono dalla loro astronave, a ondate variabili, grandi ciuffi di quella che sembrava una specie di erbaccia, con gambi e foglie molto spessi, duri, di un verde che abbacinava. Li fecero cadere in luoghi ricchi d’acqua e dall’aria fortemente impregnata d’umido: era l’habitat del loro pianeta come pure del vascello. In condizioni adatte quelle piante, che si conficcavano nel terreno attecchendo all’istante, producevano fiori simili a margherite selvatiche, bianchi o gialli per lo più. Ma la loro caratteristica peculiare era che se la situazione dell’ambiente cambiava per un motivo qualsiasi, gambi, foglie e fiori mutavano di colore. Non definitivamente, però: ogni uno o due secondi al massimo, passando da una tonalità a un’altra della stessa gamma, determinata in base all’anomalia riscontrata nell’area in cui vivevano. Insomma, una sorta di erba-sentinella. Naturalmente i simil-pesci si chiesero se gli umani, che trovavano così tanto diversi da sé, avrebbero afferrato l’elevato valore di quel dono. Vero, erano stati costretti a depositare le piante in zone scarsamente o per nulla abitate, viste le loro caratteristiche, anche se avevano trovato qualche luogo adatto, sufficientemente umido, pure in grandi città. Ma avevano la netta impressione che in ogni caso gli abitanti del pianeta le avrebbero scambiate nella maggior parte dei casi per le erbacce così diffuse in tanti territori del loro mondo. Sperarono solamente, mentre ormai erano sulla rotta di un altro sistema, che almeno qualcuno, magari uno scienziato ma non per forza tale, si sarebbe fatto prendere dalla curiosità e avrebbe cominciato a studiarle, scoprendone l’immensa utilità. Oltre all’aspetto estetico, certo: loro, i grossi pesci rossi, trovavano quella specie vegetale oltremodo bella e spesso restavano a guardarla per ore, se non per giorni, senza mai stancarsene. Ma gli umani? Apparivano davvero incomprensibili, su questo concordavano tutti. Quindi potevano solo augurarsi che avrebbero saputo apprezzare il loro dono in qualche modo, convennero mentre la nave lasciava definitivamente l’orbita del terzo pianeta in quel sistema sperduto della galassia lattiginosa.

 

 

 

Bernard Creely, "Silence", da http://bernardcreely.tumblr.com/

Bernard Creely, “Silence”, da http://bernardcreely.tumblr.com/

Carmen De Vos, "The weird Daisy - Oostakker #04 [From the series With Love From…]", da http://carmendevos.tumblr.com/

Carmen De Vos, “The weird Daisy – Oostakker #04 [From the series With Love From…]”, da http://carmendevos.tumblr.com/

Philomena Famulok, "The withered twig", da http://philomena-famulok.tumblr.com/

Philomena Famulok, “The withered twig”, da http://philomena-famulok.tumblr.com/

Laura Makabresku, "The anatomy lesson", da http://lauramakabresku.tumblr.com/

Laura Makabresku, “The anatomy lesson”, da http://lauramakabresku.tumblr.com/

"Ellie Lane by Ellie Lane - March 2015", da http://ellie-lane-imagery.tumblr.com/

“Ellie Lane by Ellie Lane – March 2015”, da http://ellie-lane-imagery.tumblr.com/

Laura Makabresku, "Cabinet of souls", da http://lauramakabresku.tumblr.com/

Laura Makabresku, “Cabinet of souls”, da http://lauramakabresku.tumblr.com/

Viki Kollerová, "Untitled ½", 2014, da http://vikikollerova.tumblr.com/

Viki Kollerová, “Untitled ½”, 2014, da http://vikikollerova.tumblr.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...