Acqua, sapone, una spugna

Curò il proprio aspetto talmente a fondo, con tanta di quell’attenzione, con tanti di quei prodotti di bellezza che quasi non si riconosceva più. La persona con cui stava ne rimase però contrariata, non volle più fare sesso. Poi legò il suo corpo al letto e con acqua, sapone, una spugna, liquidi diluenti cancellò pian piano dalla sua pelle, oltre che dalle unghie, ogni minima traccia delle sostanze che vi erano state applicate. Ci mise molto, ma non mostrava di avere fretta. Aspettò pure con pazienza che ricrescessero i peli lì dove dovevano. Solo allora tornò ad avvicinarsi, denudò completamente il suo corpo e si mise ad annusarne tutti gli odori, che erano di nuovo quelli naturali, ne assaporò con calma ogni secrezione, ne leccò ogni parte senza trascurarne alcuna.

 

 

 

Agnès Weber, "Intimacy (46)", http://agnesweber.blogspot.it/

Agnès Weber, “Intimacy (46)”, http://agnesweber.blogspot.it/

Foto presa dal web

Foto presa dal web

Foto presa dal web

Foto presa dal web

Foto presa dal web

Foto presa dal web

Phillip Dvorak, "One of my photographs", http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, “One of my photographs”, http://phillipdvorak.tumblr.com/

Esthaem, "Untitled", da http://esthaem.tumblr.com/

Esthaem, “Untitled”, da http://esthaem.tumblr.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...