Masturbarsi la punta del naso

Si rese conto che la sua stima delle donne era gradatamente scesa quasi a zero. Mentre fino a pochi anni prima aveva provato nei confronti del sesso femminile una pressoché incondizionata adesione. Col senno di poi aveva capito che si trattava di una sorta di complesso di Tiresia, se in tal modo poteva definirlo: riteneva, come il mitico indovino greco privato della vista e che si era incarnato in entrambi i generi, che il piacere sessuale della donna fosse nove volte maggiore di quello maschile; di qui una più vasta gamma di scelte possibili quanto alle sensazioni, ai rapporti, all’intimità. Quasi un potere, pensava. Prima, però. Poi la cosiddetta ascesa sociale delle donne aveva modificato il suo punto di vista in maniera quasi radicale. Nella foga di fare tutto ciò che fino ai decenni precedenti era riservato soltanto agli uomini, avevano finito per amplificare i difetti, già grandi, dell’altro sesso: vanità, arrivismo, carrierismo, competitività, ricerca ossessiva della visibilità e del successo, anche ricorrendo alla prevaricazione; e in più aggravando i propri, di difetti: corpi sempre più e meglio artefatti, truccati, in pratica falsati, identità sommerse, soffocate dalla preponderanza dell’immagine. E anche nell’uso pubblico della retorica, l’arte di avere ragione perfino quando si ha torto marcio, meditò, le donne erano ormai avviate a diventare più brave dei maschi. Molto. D’altronde bastava dare un’occhiata ai siti internet, specie di pornografia privata: in barba alla loro apparenza pressoché sacrale, a tratti resa austera, inavvicinabile, dal crescente prestigio nella società, al porsi di molte di loro alla stregua di icone da guardare, ammirare, desiderare ma senza toccare, nelle foto e nei video che pubblicavano c’era ormai molta più depravazione, perversione, spesso anche volgarità rispetto a ciò che proveniva da utenti uomini. Come se pure in questo le femmine desiderassero dimostrarsi quanto e più capaci. In poche parole, si disse mentre puliva la stanza da bagno, analogamente a ciò che accadeva da qualche tempo in ogni settore, la ricercata uguaglianza dei diritti fra i sessi, e così fra gruppi, categorie, classi, oltre che nel lavoro, stava portando a un livellamento in basso. Verso il peggio, insomma. Sogghignò strizzando la spugna imbevuta di detersivo. Mai come allora, pensò mentre strofinava con vigore la maiolica del water, aveva desiderato diventare un essere asessuato. Mai prima di allora, concluse fra sé, aveva desiderato imparare a godere masturbandosi la punta del naso.

 

 

 

 

Georgesmiley, "Self shot with Yoon at home - NYC", da http://georgesmiley.tumblr.com/

Georgesmiley, “Self shot with Yoon at home – NYC”, da http://georgesmiley.tumblr.com/

Misungui by Stéphane Arnoux, da "Self shibari", http://misungui.tumblr.com/

Misungui by Stéphane Arnoux, da “Self shibari”, http://misungui.tumblr.com/

Misungui by Denis Lucas, da http://misungui.tumblr.com/

Misungui by Denis Lucas, da http://misungui.tumblr.com/

Phillip Dvorak, "Missy - one of my etchings, hand-colored with gouache and watercolor", da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, “Missy – one of my etchings, hand-colored with gouache and watercolor”, da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, "One of my etchings (hand-colored with gouache and watercolor)", da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, “One of my etchings (hand-colored with gouache and watercolor)”, da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, "One of my figure drawings - graphite and watercolor on paper", da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Phillip Dvorak, “One of my figure drawings – graphite and watercolor on paper”, da http://phillipdvorak.tumblr.com/

Foto presa dal web e modificata

Foto presa dal web e modificata

Georgesmiley, "Self shot at home - Minneapolis, da http://georgesmiley.tumblr.com/

Georgesmiley, “Self shot at home – Minneapolis, da http://georgesmiley.tumblr.com/

Alina Senchuk, da "Goodbyestockholm", https://www.flickr.com/photos/goodbyestockholm/

Alina Senchuk, da “Goodbyestockholm”, https://www.flickr.com/photos/goodbyestockholm/

Alina Senchuk, da "Goodbyestockholm", https://www.flickr.com/photos/goodbyestockholm/

Alina Senchuk, da “Goodbyestockholm”, https://www.flickr.com/photos/goodbyestockholm/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...