Vita e morte in Turchia

Grandi scrittori turchi, vita, morte, oriente, occidente, laicità e integralismo religioso, nazionalismo e multiculturalità (gli armeni, i curdi sterminati, ma lì è vietato perfino parlarne, parlare altre lingue al di fuori del turco), speranze, delusioni, dolore. Ogni riferimento al massacro di pacifisti ad Ankara è puramente voluto.

 

Nazim Hikmet, “Alla vita”

La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
come fa lo scoiattolo, ad esempio,
senza aspettarti nulla
dal di fuori o nell’aldilà.
Non avrai altro da fare che vivere.
La vita non è uno scherzo.
Prendila sul serio
Ma sul serio a tal punto
che messo contro un muro, ad esempio, le mani legate,
o dentro un laboratorio
col camice bianco e grandi occhiali,
tu muoia affinché vivano gli uomini
gli uomini di cui non conoscerai la faccia,
e morrai sapendo
che nulla è più bello, più vero della vita.
Prendila sul serio
ma sul serio a tal punto
che a settant’anni, ad esempio, pianterai degli ulivi
non perché restino ai tuoi figli
ma perché non crederai alla morte
pur temendola,
e la vita sulla bilancia
peserà di più.

(da http://piattaformacomunista.com/HIKMET.htm)

 

Orhan Pamuk (premio Nobel 2006), incipit del romanzo “Il mio nome è Rosso” (1998)

Adesso io sono un morto, un cadavere in fondo a un pozzo. Ho esalato l’ultimo respiro ormai da tempo, il mio cuore si è fermato, ma, a parte quel vigliacco del mio assassino, nessuno sa cosa mi sia successo. Lui, il disgraziato schifoso, per essere sicuro di avermi ucciso ha ascoltato il mio respiro, ha tastato il mio polso, mi ha dato un calcio nel fianco, mi ha portato al pozzo e mi ha preso in braccio per poi buttarmici dentro. La testa me l’aveva già spaccata a colpi di pietra, e cadendo nel pozzo è andata in pezzi, la mia faccia, la fronte e le guance, è rimasta schiacciata, è scomparsa, le ossa si sono spezzate, la bocca si è riempita di sangue.

(da https://it.wikipedia.org/wiki/Orhan_Pamuk)

 

 

 

 

Nazim Hikmet

Nazim Hikmet

Orhan Pamuk

Orhan Pamuk

Egon Schiele, Egon Schiele, "Autoritratto", matita, tempera e acquerello su carta, 1910

Egon Schiele, “Autoritratto”, matita, tempera e acquerello su carta, 1910

Una risposta a “Vita e morte in Turchia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...